Creatina o Carnitina? Guida al confronto, fasce di prezzo, classifiche del web

In questo articolo parleremo di cosa sono creatina e carnitina, ma soprattutto delle differenze tra le due, se si possono assumere insieme o se è sconsigliato. Andiamo a conoscere le sostanze e il loro utilizzo.

Cos’è la carnitina?

La carnitina ha degli effetti benefici molto importanti, principalmente una migliore ossigenazione del sangue durante lo sforzo e una significativa riduzione del grasso della pelle durante i lunghi esercizi. Quindi, integrare la carnitina, porta a favorire la trasformazione del grasso depositato nell’organismo in energia da spendere durante l’attività sportiva. La carnitina viene prodotta nel fegato e nei reni oltre che ad essere presente in fonti animali, principalmente carne rossa e latticini.

Carnitina ed effetti sessuali

Uno tra gli effetti principali, che non sempre viene citato ma che si trovano in ambiente scientifico sulla carnitina, riguarda proprio la cura della disfunzione erettile maschile. C’è stato uno studio condotto da ricercatori italiani, che ha riportato che la L-Carnitina è in realtà più efficace della terapia che prevede piccole dosi di testosterone per il trattamento della disfunzione erettile maschile. Questo potrebbe essere dovuto dall’aumento dei livelli di azoto da parte della carnitina stessa, aiutando, così, ad ossigenare maggiormente il flusso sanguigno all’interno del pene. Non solo, alcune ricerche dimostrano che l’integrazione con L-Carnitina aumenta la fertilità maschile migliorando la mobilità dello sperma.

Effetti sulle donne

La carnitina ha immense capacità funzionali per regolare lo stato ossidativo e metabolico del sistema riproduttivo femminile. La vulnerabilità di questo sistema ai radicali liberi richiede strategie avanzate per combatterli. Degli studi abbastanza recenti, hanno dimostrato che l‘applicazione di carnitina o L-Carnitina, hanno migliorato la fertilità femminile, così come negli uomini. Soprattutto si ha un miglioramento dovuto alle proprietà antiossidanti e per il miglioramento dell’approvvigionamento energetico delle cellule. Questi benefici sono una grande promessa, soprattutto possono andare a trattare il problema dell’infertilità nelle donne.

Carnitina e cibo, quando prenderla?

Assumere carnitina in concomitanza con un pasto, specialmente glucidico, può favorire il deposito all’interno del muscolo. Questo avviene grazie alla stimolazione dell’insulina, ma non è controindicata neanche l’assunzione fuori dai pasti o in altri momenti della giornata, in sostanza, sarà solo meno assorbita dal muscolo. Rimane comunque buona regola generale, fare assunzioni di svariate dosi di carnitina, indipendentemente dal tipo, dividendole in più momenti della giornata a causa dello scarso trasporto intestinale.

Benefici carnitina

Quindi riuscire a migliorare il  processo di trasformazione ha una duplice valenza: da un lato garantisce all’atleta una quantità di energia importante, dall’altro inoltre può stimolare il dimagrimento. Chiaramente va detto che è una sostanza che può agire in maniera mirata, favorendo così la trasformazione del tessuto adiposo in energia. Nel caso in cui si desideri smaltire dei chili di troppo, l’integratore di carnitina può essere un’arma in più. I benefici della carnitina sono tanti, andiamo a vedere quali:

  • Capace di migliorare o mantenere una buona salute cardiovascolare,
  • Migliora le capacità cognitive,
  • Riduce il danno muscolare post allenamento.

Quale prendere per dimagrire?

In commercio si trovano diverse tipologie di carnitina, con lo scopo di migliorarne la biodisponibilità, che possono avere degli effetti leggermente differenti. Dopo svariati studi eseguiti nel tempo, è stato verificato che la formulazione migliore è la L-Carnitina. Soprattutto è conosciuta comunemente per le sue capacità di produrre energia liberando acidi grassi, promuovendo il dimagrimento. Essa ha molti meccanismi con cui può in teoria aumentare il tasso di perdita di grasso, ma non induce da sola ad aumentare la perdita di grasso una volta integrato.

Cos’è la creatina?

La creatina è invece un aminoacido già presente nel corpo umano e si trova naturalmente nelle carni, in latte, uova, pesce. Il suo consumo serve per aumentare la potenza muscolare e per regalarci più forza durante l’allenamento di potenza, minimizzando anche l’accumulo di acido lattico. La creatina è particolarmente utile per gli sportivi che si allenano in modo intenso, dato che agevola la produzione di una molecola energetica necessaria per svolgere l’attività muscolare. Ecco perché agisce sulla performance sportiva. La creatina è utile  soprattutto per attività che mirano l’aumento della massa muscolare, all’agevolamento del rafforzo muscolare e alla resistenza.

Funziona correttamente?

Consumare integratori di creatina diviene utile se si sta facendo una dieta vegetariana e vegana, dal momento che questi regimi alimentari escludono proprio le principali fonti di creatina. Un altro campo in cui un supplemento può servire è quando ci prestiamo a sforzi fisici elevati e continui. Viste le sue caratteristiche si rivela funzionale a esercizi di culturismo e a chi fa sollevamento pesi, mentre è poco utile in vista di allenamenti a lunga durata e resistenza. Prima di decidere se integrare o meno la creatina è consigliabile fare delle analisi del sangue per verificarne i livelli di partenza, per poi decidere con un medico sportivo tempi e modi dell’integrazione. Esagerare è inutile e non serve dal momento che i muscoli non sono in grado di immagazzinare creatina oltre certi livelli, inoltre può rivelarsi pericoloso nonché dannoso per l’organismo, per cui è sempre bene rivolgersi a una persona competente prima di prendere una decisione quale l’assunzione di integratori. Fra i possibili effetti collaterali dell’assunzione di creatina ci sono:

  • La disidratazione,
  • La ritenzione idrica,
  • L’aumento di peso,
  • I disturbi gastrointestinali,
  • La diarrea,
  • La nausea,
  • Infine, problemi renali.

Va evitata assolutamente in caso di disidratazione in atto, soprattutto se si fa uso di diuretici o di farmaci per disfunzioni renali e qualora si registrasse un’ipersensibilità verso questa sostanza.

Quindi, carnitina o creatina?

La carnitina è una sostanza che spesso si confonde con la creatina, ma ci sono delle differenze tra questi due tipi di integratori. Dal momento che la creatina determina un aumento della forza, divenendo l’ideale per chi pratica sport che richiedono potenza, come ad esempio il body building, la carnitina è invece più indicata per il dimagrimento, soprattutto nei soggetti che svolgono sport la quale richiede un grande sforzo a livello di resistenza. Ovviamente nulla vieta che le due sostanze possano essere assunte insieme. Anche la carnitina è un aminoacido non essenziale  che svolge un ruolo cruciale nel trasferimento degli acidi grassi ai mitocondri, favorendo la produzione di energia.

Back to top
Apri Menu
creatinamigliore.it